Annonce De Vente 06 Nous rachetons les pièces de monnaie de toute époque, de l’Antiquité au XXe siècle, billets de banque, et colonies françaises ☎ 06 12 08 09 36

Numismate Voulez-vous vendre chez Vente06 numismatique à prix intéressant professionnels numismates et les experts numismates billets de l'époque coloniale de la Guadeloupe, de la Martinique, de la Guyane française et de l'Algérie 2 Euros Monaco 2021 ☎ 0 6 12 08 09 36
Panier
Panier (0)

Un site consacré à la vente en ligne. Numismatique - Monnaies et  Billets Français Faire des achats en ligne n'a jamais été aussi simple ! Parcourez dès maintenant notre large sélection de produits de mode, cosmétique, Découvrez les bons plans shopping et ventes privées de grandes marques tendances Vente Nice sur vente 06.com Ventes privées mode pour femmes, hommes et enfants, immobilier, haute technologie, collection, musique... en Toutes les annonces  Numismatique Monnaie d'Achat Vente de Sites Internet : Ajout d'annonce Gratuit ! N°1 en France. Types : Sites Internet, Sites e-Commerce, Applications ligne ! vente immobilier Acheter des articles sur les meilleurs sites de ventes privées est un bon moyen de faire des économies et de gagner de l'argent 5 Vente Publicité Numismatique, Cartophilie - Vente de collections - Monnaies, Cartes postales, Billets, Médailles, Timbres, Jouets, Accessoires et tout un tas d’autres collections.

 Vente 06 vous permet de rechercher en ligne Numismatique - Monnaies et  Billets Français les meilleures affaires pour acheter facilement vos produits en ligne en moins de temps ! collection de monnaie Meilleures Ventes Avez-vous envie d'offrir un cadeau à un proche ou tout simplement de vous faire plaisir vente 06 a pensé à tout ! Profitez de Ventes Privées de Grandes Marques jusqu'à -70%.  Et Rapide. Tous les jours 15 nouvelles ventes à découvrir vente cartes postales En un coup d'œil, découvrez toutes les ventes privées du jour. Vente 06 .com vous présente les ventes privées d'aujourd'hui et toutes celles de moins de 24 h. Acheter des articles sur les meilleurs sites de ventes privées est un bon moyen de faire des économies et de gagner de l'argent Million nickel page Numismatiques Vente 06 Un site consacré à la numismatique mais aussi à une multitude d’autres collections. EM Collections – Numismatique - Pour toute collection Monnaies,et Argent Cartes postales, Billets, Médailles, Timbres, Jouets, Accessoires et tout un tas d’autres collections

Un site consacré à la numismatique mais aussi à une multitude d’autres collections

Etendez votre collection : Pièces de monnaie, billets et médailles de France et du Monde.
Pour les spécialistes de la numismatique : Pièces de collection unique. En plus de la numismatique, vous trouverez sur ce site toutes sortes de collections. 5 francas 10 francs 20 francs 50 francs 100 francs
Vente 06 Collections ravira les amateurs et les collectionneurs en tout genre. Numismatique 
Définition : La numismatique Vente 06 est la science des monnaies et des médailles Vente 06 Collections porte un grand intérêt à la numismatique depuis déjà de nombreuses années.Numismatique, Cartophilie - Vente de collections - Monnaies, Cartes postales, Billets, Médailles, Timbres, Jouets, Accessoires et tout un tas d’autres collections. Pour faire un cadeau unique ou compléter votre collection pensez à EM Collections Numismatique.

Catégorie

Rachat rapide de votre collection de timbre à Nice Message de Numismatique  Pieces de monnaie,Numismatiques, piece de monnaie, collection pieces de monnaie, collection monnaie ancienne, collection, collections, pièces anciennes, pièces vente, monnaies de collection, pièces de collection, billet, billets, collection de billets, collection de billets de banque, billet de banque, billets de banque, collectionneurs, collectionneur, multicollection, numismatique, cartophilie,liste, numismate, cartophile, monnaies, monnaies anciennes, medailles, collection de medailles, timbre, timbres, carte postale, collection de jouets, jouet ancien, jouets anciens, collection accessoiresLa numismatique en latin numisma, du grec nomisma, monnaie Science qui traite de la description et de l'histoire de Numismatiques des monnaies, médailles, jetons et méreaux bronze argent or

Pièces de France

Pièces du Monde

Pièces en Euro

Billets de France

Billets du Monde

Meilleures Ventes

Médailles

Cartes Postales

Timbres

Lots

Jeux, Jouets, Figurines

Autres Collections

Accessoires

Objets divers

Histoire

liste achats

Publicité sur Internet

Boutique en ligne

Médaille Commémorative Albert II Prince de Monaco en argent 

Nous sommes acheteurs de ces exemplaires de médailles

Médaille Mariage du Prince Albert de Monaco et de Charlene

Veuillez contacter Vente 06 

 ☎   06 12 08 09 36

 

MONACO MEDAILLE D'HONNEUR ALBERT II EN VERMEIL 1894

Médaille principauté de Monaco Monaco

Nous rachetons les pièces de monnaie de toute époque, de l’Antiquité au XXe siècle, françaises ou étrangères, des pièces anciennes de collection, des pièces d’or - TIMBRES d’investissements, des pièces plus récentes, des pièces de la Monnaie de Paris, des pièces en argent, en bronze, en nickel de même que les billets de banque, colonies françaises.

Tél: 06 12 08 09 36

annonce de vente06.com

1 centime
2 centimes
3 centimes
5 centimes
1 decime
10 centimes
2 decimes
20 centimes
25 centimes
50 centimes
1 franc
2 francs
5 francs
10 francs
20 francs
50 francs
100 francs

5 francs or

10 francs or

20 francs or

40 francs or

50 francs or

100 francs or

5 Francs

10 Francs

20 Francs

50 Francs

100 Francs

200 Francs

300 Francs

500 Francs

1000 Francs

5000 Francs

10000 Francs

Médaille Commémorative Albert II Prince de Monaco en argent
Médaille Mariage du Prince Albert de Monaco et de Charlene medaille monaco medaille monaco 2 juillet 2011 medaille monaco jo medaille monaco prix monaco medaille du travail remise medaille monaco médaille de monaco medaille monegasque médaille saint charles monaco medaille principaute de monaco medaille cathedrale de monaco croix des chanoines medaille d'honneur monaco medaille europa monaco medaille palais princier monaco medaille don du sang monaco
Médailles du Jubilé Médaille de Vermeil, Médaille d'Argent et Médaille de Bronze. La médaille d'Honneur MONACO MEDAILLE D'HONNEUR ALBERT II EN VERMEIL 1894
annuaire site internet gratui ,annuaire site ecommerce ,annuaire site web france ,annuaire site 2020 ,annuaire site internet,ANNUAIRE MONNAIES,

Vente 06 est un site consacré à la vente  des  Monnaies, billets,medailles,timbres,

Estimer ses pièces et vendre sa collection de monnaie

Toutes les collections de miniatures, figurines, montages, livres, BD, DVD, loisirs créatifs… Vente au numéro de collections de fascicules, gestion .

Petites annonces Ventes collections de monnaie

 Découvrez les bons plans shopping et ventes privées de grandes marques tendances sur vente06.com Ventes privées mode pour femmes, hommes et enfants

Vente 06 monnaies, annuaire Monnaies,

Avec les ventes  Place des Tendances, vous accédez à la vente exclusive d'articles de mode depuis chez vous : chaussures, accessoires et vêtements

Età del Ferro

 

 

Età del Ferro Periodo della protostoria caratterizzato dall'uso del ferro in luogo del bronzo nella produzione di utensili e armi. Nell'Europa continentale si colloca tra la fine dell'età del Bronzo (900 ca. a.C.) e la fase di espansione dell'impero romano (27 a.C. - 68 d.C.). Assumendo la conquista romana come cesura storica, non tecnologica, ne deriva che nelle aree mai raggiunte dalla romanizzazione, come la Scandinavia, la Germania centrosettentrionale e alcune parti della Britannia, l'età del Ferro proseguì fino all’era moderna. In Cina l'età del Ferro cominciò intorno al 600 a.C., nell'Africa subsahariana tra il 500 e il 400 a.C., nell'Africa meridionale intorno al 200 d.C.

 

 

LA LAVORAZIONE DEL FERRO

 

 

Presente in natura in numerosi giacimenti, il ferro è caratterizzato da una durezza molto superiore a quella del bronzo, che ne fa il materiale migliore per la realizzazione di utensili come seghe, asce, zappe, chiodi. La sua lavorazione è però difficoltosa: fino alla fine del Medioevo l’uomo non fu in grado di produrre nei forni temperature sufficienti alla sua fusione e colatura in stampi, tranne che in Cina, dove questa tecnica comparve nel periodo degli Stati Combattenti (475-221 a.C.).

 

 

 

In età preistorica la lavorazione del ferro si articolava in varie fasi. Posti nelle fornaci, i minerali del ferro davano luogo a una sorta di blocco spugnoso ancora ricco di scorie, poco malleabile e scarsamente resistente. Questo materiale veniva quindi lasciato a contatto con la cenere prodotta dalla combustione del legno: assorbendo il carbonio in essa contenuto, esso formava una lega più resistente (avveniva cioè un processo di cementazione). A questo punto il pezzo poteva venire forgiato e quindi temprato (tramite immersione in acqua fredda). Infine, l’oggetto grezzo così ottenuto veniva battuto fino ad assumere la forma desiderata.

 

 

L'adozione del ferro per la fabbricazione di utensili pesanti e armi limitò l'uso del bronzo agli oggetti decorativi, come spilloni e specchi. Oro e argento erano invece considerati materiali preziosi, usati ad esempio per realizzare i torque, massicce collane portate dai guerrieri celti.

 

 

L'ETÀ DEL FERRO IN EUROPA

 

 

L’utilizzo del ferro si affermò presso gli ittiti, nell’Asia occidentale, nel corso del II millennio a.C. I minerali di ferro vennero adottati in un primo tempo come fondenti nel processo di riduzione del rame: ne derivava una produzione involontaria di piccole quantità di ferro, che venivano talvolta impiegate per realizzare semplici manufatti.

 

 

 

La diffusione della tecnologia del ferro per fabbricare utensili e armi si compì solo intorno al 1200 a.C., a seguito della grave crisi politica determinata dalla caduta dei centri palatini mesopotamici e micenei. Tale evento portò al crollo dei commerci e quindi delle importazioni dall’Europa nordoccidentale: la momentanea indisponibilità di stagno, che proveniva prevalentemente dalla Cornovaglia, dalla Bretagna e dalla Galizia, favorì l’utilizzo del ferro, che si diffuse dapprima in Grecia (XI-X secolo) e da qui nel resto del continente. La prima cultura europea dell'età del Ferro di cui si hanno consistenti tracce è quella di Hallstatt (900-450 a.C.), così detta dal nome della località delle Alpi austriache dove fu scoperta una grande necropoli con 2500 tombe; seguì la cultura di La Tène (450-58 a.C.), dal nome del villaggio svizzero presso il lago Neuchâtel, nel quale sono stati rinvenuti numerosi manufatti metallici.

 

 

I reperti risalenti alla cultura di Hallstatt, datati a partire dalla prima età del Ferro (IX secolo - metà del V secolo a.C.), testimoniano di una comunità straordinariamente agiata: i corredi funebri consistono di spade in ferro e bronzo, pugnali, asce, elmi, ciotole, coppe e calderoni in bronzo, recipienti in ceramica, ornamenti in bronzo, oro e ferro, perle di ambra e vetro. La fonte di tanta ricchezza era l’estrazione e il commercio del salgemma, che dalle montagne austriache partiva verso varie regioni europee, fino a raggiungere il Baltico e il Mediterraneo. Scavi recenti hanno portato alla luce gallerie puntellate con tronchi e resti di insediamenti, in cui sono stati rinvenuti alimenti conservati nel sale, utensili come picconi, pale, mazzuoli, torce, carrelli per il trasporto di materiali, indumenti.

 

 

Caratteristiche della cultura di Hallstatt sono pure le lunghe spade in ferro e le sontuose bardature per i cavalli rinvenute, nonché i ricchi corredi funerari. Nel tumulo di Vix, nella Francia orientale, risalente alla seconda metà del VI secolo a.C., è stato scoperto un enorme cratere in bronzo (il cosiddetto Cratere di Vix), di fattura greca, che indica l'esistenza di scambi commerciali tra l'Europa centrale e le colonie greche d'Occidente. Probabilmente le popolazioni celtiche fornivano ai greci grano e schiavi, in cambio di prodotti artigianali (soprattutto vasellame ceramico); i traffici potevano avvenire per via diretta, tra mercanti celtici e coloni greci (insediati in vari villaggi e città della costa, come ad esempio Marsiglia), oppure tramite l’intermediazione degli etruschi e delle popolazioni della cultura di Golasecca. La complessa rete di scambi faceva capo ai porti adriatici di Adria e Spina (dove convivevano etruschi, greci e veneti) e ai centri dell’Etruria interna, si ramificava nei comprensori protourbani di Golasecca (nel VII e VI secolo a.C.) e di Como (durante il V secolo a.C.), e da qui raggiungeva i centri celtici d’oltalpe.

 

 

Nella storia europea l’età del Ferro segna – a conclusione del processo già iniziato nel Bronzo finale (XII-X secolo a.C.) e in alcuni casi anche prima (XII secolo a.C.) – la formazione di quelle compagini etniche che appariranno omogenee ai conquistatori romani. In particolare l’Italia si presentava come un mosaico di popolazioni e culture archeologiche ben definite, che sono alla base del nostra attuale articolazione regionale (veneti, liguri, piceni, umbri, etruschi, campani, apuli ecc.). Vedi anche Italia preromana.

 

 

Rituali e religione

 

Importanti testimonianze degli usi e dei riti nell'Europa dell'età del Ferro sono fornite dalle spoglie umane ritrovate nelle torbiere, dove l'assenza di ossigeno ha permesso una conservazione pressoché perfetta dei tessuti. Nel 1950 vennero alla luce a Tollund Fen, in Danimarca, i resti di un uomo privo di indumenti, salvo un copricapo e una cintura in pelle, con le gambe raccolte in posizione fetale e gli occhi chiusi; intorno al collo c'era ancora la corda che era servita per impiccarlo, 2000 anni prima. Nell'Europa settentrionale sono stati trovati centinaia di 'uomini delle torbiere', la maggior parte con segni di morte violenta (per strangolamento, colpi alla testa, ferite d'armi da taglio). È possibile che si tratti di individui giustiziati per delitti o crimini, ma alcuni elementi fanno pensare a sacrifici religiosi: i cereali trovati nello stomaco potrebbero essere resti di pasti rituali, e la morte potrebbe essere stata procurata secondo procedure sacre. Molte delle vittime, inoltre, erano presumibilmente appartenute a classi sociali elevate: le mani erano curate e prive di calli e i corpi erano stati lavati e spogliati prima di venire deposti nella palude.

 

 

Torbiere e corsi d’acqua avevano probabilmente valore sacro presso diverse popolazioni dell’età del Ferro, come dimostra l’abbondanza di depositi votivi (soprattutto di oggetti in metallo) rinvenuti in questi ambienti: a La Tène, per esempio, sono stati portati alla luce numerosi oggetti di pregio offerti alle divinità, tra cui oltre centocinquanta spade, fibbie, punte di lancia e altri manufatti in bronzo e ferro. Offerte simili sono state recuperate anche nel Tamigi: la più celebre è senza dubbio il cosiddetto scudo di Battersea, conservato al British Museum di Londra.

 

Riti funebri

 

Nell'età del Ferro sono egualmente attestati sia il rito dell’inumazione sia quello della cremazione. Il prevalere dell’uno o dell’altro nelle diverse regioni è connesso alle credenze religiose, e in particolare funerarie, delle popolazioni ivi stanziate. Tombe particolarmente interessanti sono state rinvenute a Pazyryk, nei monti Altaj in Siberia: risalgono al 400 ca. a.C. e contengono non solo resti ottimamente conservati di uomini e di cavalli, ma anche bellissimi tessuti e oggetti in pelle. Il defunto veniva deposto entro una cassa di legno in una fossa scavata (probabilmente d’estate, quando il terreno non è gelato) a una profondità di circa 4/5 metri, rivestita di legno, segnata in superficie da un basso tumulo di terra coperto di pietre. Non potendo sfogare superiormente, il vapore acqueo prodotto all’interno della fossa non si disperdeva, e durante l’inverno siberiano congelava: tali condizioni hanno fatto sì che le tombe conservassero intatto il loro contenuto per oltre due millenni.

 

 

Una delle camere sepolcrali aperte in epoca recente si è rivelata particolarmente interessante: entro pareti rivestite di stoffa erano conservati i corpi imbalsamati di un uomo e di una donna, deposti in una bara ricavata da un tronco di larice e decorata da figure di cervi in cuoio. L'uomo esibiva bellissimi tatuaggi raffiguranti animali reali e fantastici. La bara conteneva anche un panno di lana che avvolgeva i corpi e abiti di lino; accanto ai corpi erano disposti ordinatamente tessuti, oggetti in pelle, mobili, ornamenti in oro e argento, specchi. In ogni tomba erano sepolti anche da sette a quattordici cavalli, alcuni con splendide bardature, deposti in ambienti a lato della camera centrale; è stato rinvenuto anche un carro a quattro ruote, con baldacchino ornato da figure di cigni

 

I popoli che seppellivano i morti in tombe come quelle di Pazyryk erano nomadi dediti alla pastorizia, con tratti comuni agli odierni nomadi dell'Asia centrale e agli sciti delle steppe a nord del Mar Nero. I reperti delle tombe, soprattutto i tessuti, fanno pensare a contatti con la Persia e la Cina, per le somiglianze nei motivi decorativi e nei materiali usati, tra cui la seta.

 

 

Insediamenti

 

 

Gli insediamenti dell'età del Ferro in Europa erano solitamente costituiti da nuclei fortificati situati su una altura, come a Maiden Castle, nell'Inghilterra meridionale, e a Heuneburg, nella Germania meridionale; oppure da oppida, sorta di piccoli centri urbani con case, laboratori, magazzini e residenze dell'aristocrazia, del tipo di quelli di cui parla Giulio Cesare nei Commentarii.

 

 

Molto interessante è l’insediamento fortificato scoperto nella penisola di Biskupin, nella Polonia centrosettentrionale, costituito da oltre cento case disposte su tredici file. Percorso di strade pavimentate con ceppi, era protetto dalle incursioni esterne da un bastione fatto di legno, terra e pietre. Gli abitanti (poco più di un migliaio) erano dediti all’agricoltura (miglio, grano, orzo, avena, fagioli) e all’allevamento (suini e bovini). Gli scavi hanno portato alla luce oggetti in legno, osso e stoffa, macine, ornamenti e arnesi in metallo.

 

 

L'ETÀ DEL FERRO IN ASIA

 

 

Come per il bronzo, anche la lavorazione del ferro sembra essersi sviluppata nell'Asia orientale autonomamente, senza che avvenissero scambi con il mondo europeo e mediterraneo. Intorno al 600 a.C. in Cina il ferro veniva prodotto e fuso a temperature che in Europa sarebbero state raggiunte solo mille anni più tardi, in età medievale.

 

I cinesi realizzarono enormi quantità di armi e utensili in ferro, tra cui attrezzi agricoli adatti a rendere più produttivo il terreno. Anche in Cina, come in Europa, apparve in questo periodo la coniatura di monete (attorno al 500 a.C.). La frequenza delle guerre è testimonianta dalle fortificazioni delle città, dall'abbondanza di armi rinvenute, dalla Grande Muraglia, da ritrovamenti come quello dell'Armata di terracotta (210 ca. a.C.), insieme di statue di soldati in terracotta posto nella tomba del primo imperatore cinese, Shi Huangdi. La tecnologia del ferro in Cina contemplò fin dalle origini un largo impiego di ghisa: la grande maggioranza dei manufatti e persino interi edifici vennero realizzati con questa lega. Del resto, fu proprio la familiarità che gli artigiani cinesi avevano con la ghisa che permise loro, assai prima degli europei, di produrre l’acciaio.

 

L'ETÀ DEL FERRO IN AFRICA

 

L’uso del metallo rimase praticamente sconosciuto nell'Africa subsahariana fino al 500 a.C., quando ferro e rame si diffusero nelle regioni occidentali. Nella valle del Nilo l’estrazione del ferro cominciò attorno al V secolo a.C. Nel 200 a.C. il ferro era ormai introdotto anche nell’Africa orientale, mentre le popolazioni delle regioni meridionali (in particolare, gli antenati degli odierni bantu) lo conobbero solo quattro secoli più tardi, contemporaneamente all’agricoltura. Queste comunità arcaiche vivevano in villaggi, producevano oggetti in ceramica, praticavano la coltivazione e l’allevamento.

 

 

Solo nella valle del Nilo e in alcune zone dell'Africa occidentale abbiamo testimonianze della lavorazione del rame prima dell'introduzione del ferro, che potrebbe essere giunto in Africa attraverso le colonie fenicie della costa settentrionale. Gli artigiani locali mostrarono ben presto grande abilità e inventiva: in Tanzania e in Ruanda, ad esempio, fornaci di mattoni venivano usate già nel V secolo a.C. per produrre una lega che si configura dal punto di vista tecnico come un acciaio ad alto tenore di carbonio, mentre poco a oriente, intorno alla Rift Valley, mille anni dopo popoli di pastori usavano ancora utensili di pietra.

 

Nell'Africa meridionale si può distinguere una prima età del Ferro (200 ca. d.C. - 1000) e una tarda età del Ferro (XI-XIX secolo): in questa seconda fase sorsero ricchi stati con società divise in classi, come quello degli shona. Il sito noto come Grande Zimbabwe (XIII secolo), circondato da mura in pietra, fu la capitale dell'impero Shona, che si estendeva dal fiume Zambesi al Transvaal settentrionale e doveva la propria ricchezza al controllo degli scambi commerciali con la costa orientale.

 

depot vente 06 ,vente terrain 06 ,vente appartement 06 nvente maison 06 le bon coin ,vente immobiliere 06 ,vente maison 06 particulier ,vente studio 06 ,vente safer 06 ,vente appartement 06 particulier,ANNUAIRE MONNAIES,
numismatique nice ,numismatique monaco ,numismatique marseille ,numismatique euro ,numismatique cannes ,numismatique toulon ,numismatique avignon ,numismatique antibes ,numismatique aubagne numismatique arles,ANNUAIRE MONNAIES,

Contacts

 

 

 

VENTE 06    Nous sommes acheteurs de ces exemplaires    de billets, monnaies anciennes et médailles de collections Tel.. 06 12 08 09 36

Tél. :+33 6 12 08 09 36

SIRET 88956447200013

Courriel

contact@vente06.com